I vini della città eterna

Roma caput mundi. Cuore del mondo classico per antonomasia, culla di cultura e tradizione, la città capitale d’Italia è al tempo stesso un luogo in cui storia e progresso sono inscindibili. La collezione Setterè – omaggio ai sette colli su cui la città venne fondata e agli altrettanti re che l’hanno governata – si fa interprete di questo particolare binomio e definisce la propria gamma attraverso una miscela di uve storiche, raffinate e senza tempo. Protagonisti della miscela sono i vitigni autoctoni tipici: Procanico (Trebbiano), Drupeggio e Grechetto per l’Orvieto Classico e Malvasia, Bellone, Bombino e Greco per il Frascati Superiore. Il risultato? Una rotondità piena in cui aromi e mineralità caratteristiche si combinano per definire un gusto asciutto e al tempo stesso vellutato. Come la carezza del sole.